Quercia

Botanicamente la quercia fa parte del genere Quercus, della famiglia delle Fagaceae (la stessa a cui appartengono anche faggio e castagno), un genere molto ricco di specie (circa 450) distribuite in tutte le zone del mondo, sia nelle regioni temperate che in quelle tropicali e formato da alberi ed arbusti sempreverdi o a foglie caduche.

La quercia, fin dalla notte dei tempi, è indissolubilmente legata alle civiltà europee, tanto che da sempre è accreditata come il re degli alberi, con rilevante valenza simbolica e religiosa. Essa è quasi universalmente considerata simbolo di durata nel tempo, di lunga vita, di prosperità, dignità, maestosità e soprattutto forza.

Nell’odierno immaginario collettivo la quercia è un albero dalla chioma ampia e frondosa, sui cui rami nidificano gli uccelli e vivono altri piccoli animali, che offre rifugio ed ombra a molti abitanti del bosco e legna da ardere al contadino.

La quercia piu’ diffusa in Italia e’ quella di Dalechamps (Quercus dalechampii), simile alla rovere, con la quale condivide molte caratteristiche morfologiche, tanto da essere definita con il nome comune di ‘rovere meridionale’.

In Italia è presente nelle regioni meridionali, dal Salento alla Calabria ed alla Sicilia, talvolta in esemplari di notevoli dimensioni. Oltre alle specie spontanee, che hanno un interesse prevalentemente boschivo o naturalistico, abbiamo poi specie naturalizzate, utilizzate sia nei boschi che nei giardini, con varietà ed ibridi appositamente selezionati.

Nello Spineto vegeta una speciale tipologia di Quercia definita localmente Cariglio,il cui nome latino è Quercus cerris.

Prezzo: 50€ + 6€ di spedizione: 56€.

 

Altri alberi